L’Arts Hotel si conferma la sede dell’EPT di Barcellona

Dopo i problemi di sicurezza che l’hanno messo in una difficile situazione ora il Barcelona Arts Hotel pare completamente riabilitato e tornerà infatti ad ospitare uno dei più importanti tornei di poker texano di Pokerstars; parliamo come probabilmente avrete capito dell’EPT di Barcellona.

A far dubitare sulla conferma della prestigiosa location un episodio accaduto a Jens “Jeans89” Kyllonen, che tornato in camera trovò il suo portatile manomesso da un hacker.

Il giocatore scandinavo aveva subito segnalato il fatto, che però inizialmente, a quanto pare, venne ridimensionato da PokerStars, accusata poi di aver avvertito in ritardo le forze dell’ordine, forse nel tentativo di evitare che l’episodio diventasse di pubblico dominio.

Quel che è certo è che l’albergo era finito nell’occhio del ciclone perché accusato di porre scarsa attenzione alla sicurezza dei suoi ospiti, che essendo ricchi campioni di poker hanno di certo particolari esigenze.

Ora però, che i responsabili del tentativo di haking ai danni di Kyllonen sono stati identificati ed arrestati dalla polizia, e che molti tra i player di PokerStars hanno confermato il loro apprezzamento nei confronti del lussuoso hotel, la sua riconferma come sede dell’EPT è cosa fatta.

L’episodio tuttavia non va sottovalutato, anche perché non è la prima volta che una cosa simile accade e il prestigioso hotel catalano è, purtroppo, in buona e nutrita compagnia.

In passato altri alberghi hanno adottato una politica troppo permissiva e, ad esempio, rilasciato chiavi anche a chi non era in possesso di un documento di riconoscimento.

I giocatori di poker movimentano quotidianamente, durante un torneo come l’ETP, cifre decisamente rilevanti, pertanto è fondamentale che gli hotel che collaborano con gli organizzatori di questi tornei prestino, come loro, maggiore attenzione alla sicurezza.

Speriamo che le leggerezze del passato non si ripetano e che, anzi, gli errori servano per migliorarsi.