Perde 13 milioni di dollari… e scappa da Las Vegas

Semion Kronenfeld è un immobiliarista canadese con la passione per il poker cash game high stakes. Peccato che i casinò di Las Vegas, che gli hanno fatto credito per anni, abbiano scoperto che non paga!

POKER TEXANO – 43 anni, proveniente dal Canada e – almeno sulla carta – ricco sfondato. Questo l’identikit di Semion Kronenfeld, nome che al grande pubblico sarà sicuramente sconosciuto, ma che in quel di Las Vegas conoscono molto bene. Kronenfeld è da anni uno dei whale – come li chiamano in gergo – più famosi della Strip. Anche se ultimamente da famoso è diventato più ‘famigerato’.

Fino al 2008, infatti, i casinò di Las Vegas facevano a gara a chi offriva maggiori benefit e linee di credito più abbondanti al poker player canadese. D’altra parte si trattava di un giocatore abituato a giocare e perdere svariati milioni di dollari. Fino a che qualcuno si è accorto che i suoi assegni e le sue cambiali erano un falso. Almeno stando ai giudici distrettuali della contea di Clark.

A CACCIA DI KRONENFELD – Il primo casinò a rendersi conto che c’era qualcosa che non andava è stato il Venetian, il cui proprietario è quello Sheldon Adelson che gestisce la società Las Vegas Sands. La sala ha presentato a Kronenfeld un conto da 7,9 milioni di dollari, che però ancora risulta da saldare. Più recentemente anche il Green Valley Ranch Resort, di Henderson (vicino Las Vegas) ha battuto cassa per altri 5 milioni di dollari.

Ma il canadese risulta attualmente irrintracciabile. Nemmeno il procuratore del Nevada ha idea di dove si sia cacciato l’immobiliarista moroso, il cui debito in totale sfiora i 13 milioni di dollari. La sensazione è però che non finisca qui, viste le cifre in ballo. Fossimo in Kronenfeld non dormiremmo sonni tranquilli ed eviteremmo di vedere il film Casinò di Martin Scorsese: avete presente cosa fa il protagonista Robert De Niro a chi bara o a chi non paga?