Carnivale of Poker

carnivaleA dieci anni di distanza dall’ultima edizione, ed in concomitanza con le World Series of Poker (WSOP), è tornato quest’anno l’appuntamento con il Carnivale of Poker, manifestazione tenutasi al Casinò Rio di Las Vegas che ha permesso a tutti gli esclusi dalle WSOP 2013 (e non solo) di darsi battaglia al tavolo verde e godere dell’incredibile atmosfera che si respira nella capitale mondiale del gioco d’azzardo nei giorni dell’evento più prestigioso dell’anno in fatto di poker texano.

E se di ritorno si è trattato, è stato davvero un ritorno in grande stile, con ben 21 appuntamenti spalmati su oltre un mese di programmazione (dal 3 giugno al 14 luglio), e dedicati a diverse specialità del Texas Hold’em, quasi tutti con buy-in piuttosto contenuto (si andava dai 250$ ai 580$) se si escludono i due tornei di maggiore richiamo, ossia il Main Event Texas Hold’em (con quota d’iscrizione pari a $1.650) e soprattutto l’Open Face Chinese, quest’ultimo con buy-in pari a $5.000. Oltre ai montepremi dei singoli tornei, sono stati inoltre messi in palio ulteriori $100.000 da assegnare ai migliori pokeristi dell’intera manifestazione, mentre i vincitori di ciascuna delle 21 competizioni sono stati premiati con altrettanti “medaglioni d’oro”, corrispettivi dei più famosi e prestigiosi braccialetti WSOP.

Le emozioni maggiori si sono dunque concentrate nei giorni del 13-14 luglio, quando ai nastri di partenza dell’Open Face Chinese si sono presentati 48 partecipanti, tra cui molti dei giocatori rimasti fuori dal Main Event delle WSOP, pronti a competere per un montepremi salito fino a quota $225.600. La prima moneta da $76.707 è andata a Victor Radamin, che ha preceduto sul gradino più alto del podio l’altro giocatore appartenente al Team PokerStars Pro, Nacho Barbero, che si è invece aggiudicato $47.459, mentre la terza piazza è andata a Mike Schwartz che ha portato a casa $31.241. Al tavolo finale sono giunti anche Mike Fosco ($21.869), Artem Livitov ($14.440), Narenda Banwari (14.440), Michael Stotz ($9.722) e Mattew O’Donnel ($9.722).

Molto combattuto anche il Main Event Texas Hold’em cui anno preso parte 250 player per un montepremi totale pari a $375.000. Ne è uscito vincitore Jeffrey Chang, che battendo Michael Pickett nel testa a testa finale ha portato nelle proprie tasca un primo premio da $91.879. Lo sconfitto ha potuto tuttavia consolarsi con un premio di $56.790, mentre hanno ben figurato anche i nostri colori grazie all’ottimo piazzamento di Giacomo Fundarò, sesto, e vincitore di $18.348 che hanno forse reso un po’ meno amara l’eliminazione dalle WSOP.

E se ora l’attesa è tutta per la fase finale delle WSOP, che a novembre incoronerà il nuovo campione del mondo, la speranza è che la prestigiosa manifestazione sia accompagnata anche la prossima estate da un ulteriore motivo di interesse per tutti gli appassionati di poker texano: bentornato Carnivale of Poker!