EPT Londra, la situazione dopo Day 1 e Day 2

PrintAll’EPT di Londra si sono giocati già entrambi i Day 1 e il Day 2. L’Italia aveva cominciato bene, portando 10 giocatori nella seconda giornata di gioco, che però è risultata fatale: ci rimane solo Dario Sammartino.

POKER TEXANOCominciamo con ordine, raccontandovi il Day 1A dell’EPT di Londra 2013. La kermesse londinese si è aperta in tono minore per l’Italia, che nella prima giornata di gioco ha visto andare bene soltanto tre giocatori: Luca Moschitta, Roberto Masullo e Cristiano Blanco. Moschitta ha chiuso la giornata con 57.000 chip, mentre Masullo e Blanco rispettivamente con 44.400 e 33.800 chip. Il chip leader è risultato essere Dhru Patel, player relativamente sconosciuto che però si sta ben comportando nell’online.

Così la top ten del Day 1A:

1)      Dhru Patel 241.000

2)      David Yan 182.200

3)      Raj Ramakrishnan 176.800

4)      Peter Charalambous 136.700

5)      Niko Mykkanen 127.100

6)      Joel Nordkvist 107.900

7)      Mat Frankland 104.200

8)      Dan Smith 103.800

9)      Rasmus Vogt 97.000

10)  Tudor Purice 93.100

Molto meglio è andata nel Day 1B, dove la pro Pokerstars Dario Minieri ha fatto vedere di che pasta è fatto, chiudendo con 75.600 chip. Bene anche Luca Pagano, capace di raggranellare 53.800 gettoni. Hanno passato il taglio anche Davide Suriano (49.100 chip), Mustapha Kanit (40.900), Dario Sammartino (28.700), Stefano Terziani (22.700) e Salvatore Bonavena (19.800).

Questi invece i migliori 10 del Day 1B:

1)      Maximilian Senft 223.000

2)      Davidi Kitai 163.100

3)      Chris Brammer 161.200

4)      John Juanda 156.100

5)      Jan Sjavik 146.800

6)      Christopher Brammer 120.000

7)      Jason Tompkins 120.000

8)      Steven Warburton 115.000

9)      Grant Levy 109.600

10)  David Ulliott 107.000

IL DAY 2E arriviamo dunque al Day 2, nota dolente per i colori azzurri. Dei dieci giocatori che erano riusciti ad approdarvi, infatti, soltanto Dario Sammartino ha avuto modo di arrivare alla fine della giornata, chiudendo con uno stack di sole 62.600 chip, ben lontano dall’average. In testa c’è Tudor Purice, in una top ten dove il giocatore più noto è Robin Ylitalo:

1)      Tudor Purice 628.200

2)      Yngve Steen 576.400

3)      Ludovic Geilich  487.100

4)      Joey Lovelady 447.500

5)      Andy Moseley 436.000

6)      Mark Newhouse 380.800

7)      Robin Ylitalo 362.200

8)      Ruben Velasco 350.900

9)      Wai Kin Yong 307.200

10)  Daniel Reijmer 305.800