I grandi del poker texano: Barry Greenstein

shutterstock_1410596Barry Greenstein è un giocatore di poker professionista, noto al grande pubblico, oltre che per i suoi successi, per il fatto di donare tutte le sue vincite in beneficienza e di regalare una copia del suo libro a chiunque lo elimini da un torneo.

BARRY GREENSTEIN: L’UOMO – Barry Greenstein nasce il 30 dicembre del 1954 a Chicago, Illinois. Dopo aver studiato alla Bogan High School, prende una laurea triennale in informatica all’Università dell’Illinois, ma abbandona il dottorato in scienze matematiche nonostante lo avesse quasi portato a termine. Lavora fino al 1991 presso la nota azienda Symantec (quella di Norton Antivirus, per intenderci), prima di dedicarsi completamente al poker. Greenstein ha due figli e quattro figliastri e attualmente risiede a Rancho Palos Verdes, in California.

Ciò che ha reso famoso Greenstein in tutto il mondo, a parte i suoi ottimi risultati, è stato il suo grande filantropismo. Barry, infatti, fino al 2006 ha sempre donato in beneficienza fino all’ultimo centesimo vinto nei tornei di poker, guadagnandosi l’appellativo di Robin Hood del Poker. Da sette anni a questa parte non ha smesso di farlo, semplicemente mantiene per sé la parte di denaro necessaria per pagare le spese di buy-in e alloggio dei tornei ai quali partecipa.

BARRY GREENSTEIN: IL GIOCATORE – Tra i risultati più significativi ottenuti da Greenstein in carriera, sicuramente possiamo annoverare i tre braccialetti delle World Series of Poker e le due vittorie nel World Poker Tour. Barry si è fatto apprezzare anche in numerose trasmissioni televisive dedicate al poker, come ad esempio High Stakes Poker e Poker After Dark. Gioca anche online, ma la sua attività pokeristica si concentra prevalentemente nel live.

Nel 2011, Barry è entrato a far parte della Poker Hall of Fame, l’Arca della Gloria del poker, che ospita numerose personalità che si sono distinte, nel corso degli anni, non solo dal punto di vista dei risultati, ma anche e soprattutto per gli sforzi fatti per far conoscere e rispettare il gioco del poker al grande pubblico. Il suo libro, Ace on the River (uscito nel 2005), è diventato ben presto un best seller nel settore: Greenstein ne regala una copia autografata a tutti i giocatori che lo eliminano durante un torneo di poker.