Prossimo il rimborso dei giocatori italiani di Full Tilt Poker

shutterstock_2617057Il momento deciso sembra arrivato, anche se, per il momento, si tratta di una notizia piuttosto vaga. Pare imminente il rimborso per i giocatori italiani dei fondi bloccati sulla piattaforma di gioco Full Tilt Poker, determinati dalla chiusura della room dopo il Black Friday.

Se il rimborso vi sarà, il merito è di PokerStars che ha acquistato la red room l’anno scorso, fronteggiando anche il fronte debitorio rispetto al Department of Justice statunitense e ai tanti giocatori coinvolti. Sono stati rimborsati quasi tutti i soggetti aventi diritto, fatta eccezione dei player azzurri, visto che Full Tilt Poker non dispone di una licenza AAMS per lavorare in Italia.

La società che gestisce PokerStars, la Rational Group Ltd, ha reso noto che una soluzione sembra imminente. In base a quanto recentemente dichiarato: “PokerStars.it sta lavorando da mesi con i suoi legali per cercare di arrivare alla definizione di una procedura di rimborso dei soldi di Full Tilt Poker in possesso dei giocatori italiani”.

“Una procedura molto complessa e sofferta che, però, nei prossimi giorni arriverà ad una definizione. Spiegheremo tutti i dettagli e non è assolutamente vero che non ne abbiamo voluto parlare, stavamo lavorando per risolvere le enormi criticità di un processo di rimborso complicato come questo”.

Quale sarà la procedura adottata per il rimborso? Per il momento non vi sono indicazioni molto chiare. Esclusa la prospettiva del bonus, visto che PokerStars ha sottolineato: “dal punto di vista legale, abbiamo verificato come non fosse praticabile”.

Ma una qualche risposta pare davvero imminente: “Dopo mesi di lavoro presto comunicheremo le decisioni prese e nei prossimi giorni usciranno notizie molto più precise in merito.”