Storia e segreti di PokerStars

PokerStars è uno dei brand più noti ad operare nel poker texano online, ma nonostante questo la storia sulle origini della poker room è relativamente poco nota, forse anche per il basso profilo tenuto dal suo ideatore, Isai Scheinberg, oggi uno degli uomini più potenti del settore.

Dopo aver fondato la società canadese PYR Software nel 2000, l’11 settembre 2001, dal Costarica lanciò la sua sfida all’industria del gioco online, con PokerStars (trasferita poi sulla britannica Isola di Man).

La coincidenza del lancio, in concomitanza con il grave attacco terroristico alle torri gemelle, non ha portato per nulla sfortuna all’azienda, che da subito s’è imposta per la grande qualità ed originalità del suo software.

Scheinberg, grazie all’esperienza maturata all’IBM, riuscì a mettere assieme un team di abili programmatori, affiancati a degli esperti di poker. Molti dei membri di quella sensazionale squadra di lavoro, continuano ancora oggi la loro attività in quella che è ormai la storica sede dell’Isola di Man.

Nonostante l’azienda sia cresciuta e, nel tempo, molte cose siano cambiate, la famiglia Scheinberg detiene ancora il 75% delle sue quote, dando a PokerStars grande stabilità e certezza sulla rotta da seguire per il futuro, senza però rinunciare a capitali freschi, provenienti da investitori e collaboratori storici, che detengono il restante 25%.

Grazie alla qualità del suo software di gioco e all’aggressività delle sue campagne di marketing, PokerStars è cresciuta e continua a ottenere grandi successi, sia nel poker texano online, che come sponsor di importanti tornei live.

Questo brand ha contribuito a rendere il poker sempre più popolare in vari paesi, tra i quali l’Italia, e a trasformare il settore del gioco a distanza in uno dei più vitali e competitivi, offrendo un intrattenimento di qualità a tantissimi appassionati, e opportunità di lavoro a giovani di talento, che operano in vari settori.