Uno strepitoso Flaminio Malaguti domina a Las Vegas

shutterstock_48615868Il giocatore italiano, di passaporto statunitense, ha letteralmente fatto il diavolo a quattro nella serie di tornei intitolata Rio Daily Deepstack. Malaguti ha vinto la classifica finale e un ingresso al Main Event delle WSOP.

FLAMINIO-SHOW – Flaminio Malaguti non sarà il giocatore di poker più famoso in Italia, non sarà neppure il giocatore più vincente, ma di sicuro è uno di quelli che è riuscito a capire qual è la sua dimensione nel poker texano. Flaminio, che abita in America ormai da diversi anni, ha l’hobby del poker, ma i tornei di Texas Hold’em non sono la sua prima professione. Probabilmente potrebbero esserlo, dato che negli eventi dal buy-in ridotto le sue skill sono infinitamente più alte della media. Altrimenti non avrebbe vinto la leaderboard del Rio Daily Deepstack. Di recente è entrato nel programma di sponsorizzazione Full Tilt Poker di Pokerstars.

RIO DAILY DEEPSTACK – Parliamo di una serie di tornei di poker texano, con buy-in compresi tra i 135 e i 235 dollari, che si è giocata al Rio Hotel and Casino, parallelamente alle World Series of Poker 2013. Bene, giocando questi eventi quasi ogni giorno, dal 5 di giugno a qualche giorno fa, Malaguti è riuscito a portarsi a casa la classifica finale, che metteva in palio per il vincitore un ticket proprio per il Main Event delle WSOP 2013.

Flaminio ha potuto trionfare grazie a una serie di piazzamenti impressionante, che gli è valsa oltre 72.000 dollari. Il giocatore italiano si è portato a casa ben 4 tornei di poker live (uno da 135 dollari, due da 185 dollari e uno da 235 dollari), con field a volte superiori alle 1.000 unità, arrivando a premio per altre 6 volte. Un trionfo che gli ha permesso di staccare nettamente in classifica il suo più diretto inseguitore, John Bonadies:

1)      Flaminio Malaguti 551,60 punti

2)      John Bonadies 390,50 punti

3)      Jose Serratos 348,00 punti

4)      Michael Smith 292,14 punti

5)      Anthony Hice 284,64 punti

6)      Timothy Terrell 274,00 punti

7)      John Simonian 264,40 punti

8)      Neil Ryder 256,00 punti

9)      Brett Murray 251,20 punti

10)  Ron Koenemann 247,75 punti